TEN 4.05.2020 News della settimana

7. La luce blu e il rapporto con i nostri occhi. La tecnologia è nostra alleata sotto molti punti di vista ma non aiuta di certo gli occhi, che subiscono molto più stress. ZEISS ha messo in chiaro le caratteristiche più importanti della luce blu ma non solo, perché ha deciso di proteggere i nostri occhi da essa grazie a trattamenti applicabili alle lenti da vista, come ZEISS DuraVision BlueProtect®: limitano lo stress visivo provocato dai dispositivi digitali e assicurano una visione confortevole anche quando la percentuale di luce blu emessa è elevata. → Link

6. Occhio secco: una condizione oculare comune ma fastidiosa. Questa sindrome è causata da un disturbo della componente essenziale della superficie oculare che ha il compito di lubrificare l’occhio, mantenendo il giusto livello di ossigenazione. Le cause sono varie e l’applicazione di antinfiammatori o antibiotici orali riduce solamente l’infiammazione. Il trattamento mirato ed estremamente efficace è la luce pulsata intensa: rapida, indolore e sicura; il ciclo dura qualche mese ma il beneficio è presente già dopo poche ore. → Link

5. Cataratta, presbiopia e astigmatismo: via gli occhiali da vista. La soluzione efficace per tutti quei pazienti che vogliono dire addio agli occhiali da vista e condurre uno stile di vita più attivo ha un nome ben preciso: lenti trifocali ZEISS AT LISA; senza rivali. Esse offrono al paziente una visione eccellente e funzionale, non solo per vicino e per lontano ma anche per le distanze intermedie. → Link

4. Femtolaser: la tecnica più moderna di rimozione della cataratta. La cataratta consiste nell’opacizzazione del cristallino, la lente naturale dell’occhio. Solitamente insorge in età più avanzata ma in altri pazienti può anticipare per varie cause. La cataratta si sviluppa lentamente e non causa dolore; il sintomo comune è l’annebbiamento della vista e il laser a Femtosecondi è ciò che viene eseguito non solo per correggere la cataratta ma anche la miopia, l’ipermetropia e l’astigmatismo. → Link

3. Occhio astigmatico: di cosa si tratta? L’astigmatismo è il difetto visivo a causa del quale si ha difficoltà a vedere chiaramente gli oggetti vicini e lontani e la visione non è nitida né definita; se non corretto provoca stanchezza, mal di testa e molteplici disturbi. Spesso l’astigmatismo si manifesta insieme a miopia, ipermetropia o presbiopia; in genere è dovuto alla genetica e all’ereditarietà ma alcune volte insorge dopo traumi, lesioni e infezioni, mentre altre volte può anticipare il cheratocono: per questo motivo è assolutamente necessario effettuare costanti esami visivi.     → Link

2. Chieti: primo trapianto di cornea dopo l’emergenza Coronavirus. L’intervento di trapianto di cornea (cheratoplastica lamellare) effettuato per la prima volta durante il lockdown dovuto alla pandemia da Covid-19, è stato svolto da Leonardo Mastropasqua, direttore del centro nazionale di eccellenza in Oftalmologia dell’Università Gabriele D’Annunzio. La paziente, una giovane sofferente per una grave caduta del visus, presentava una cicatrice corneale centrale sul campo pupillare e per questo motivo la visione era notevolmente compromessa. → Link

1. Il Coronavirus non ferma: uomo di 35 anni recupera la vista. L’uomo è stato vittima di forti disturbi visivi che sono degenerati in una situazione molto grave e quasi definitiva: egli ha subito una progressiva e rapida perdita della vista dall’occhio sinistro; grazie ai medici è stato possibile eseguire una diagnosi rapida e un intervento in tutta sicurezza, date le circostanze del virus. L’uomo è stato immediatamente sottoposto a un intervento chirurgico urgente in via endoscopica mini invasiva. L’operazione è andata a buon fine e il paziente ha recuperato la vista. → Link