TEN 15.03.2019 News della settimana

58

10. Visita oculistica a un anno d’età per i nostri bimbi. Il noto oculistica Guido Maria Bru­netti indica quali sono i corretti atteggiamenti che possono prevenire (e permettere di curare al meglio) i problemi legati alla vista, dalla tenera infanzia agli anziani. Egli illustra come si è avvicinato alla sua professione e quali sono i comportamenti spia che fanno intuire possibili problemi oculari a ogni età. Link

9. Il laser per avere gli occhi azzurri. Ma attenzione ai rischi. È il sogno di molti: due occhi azzurri come il cielo. La colpa è tutta degli stereotipi che diffondendosi hanno fatto passare la convinzione che la bellezza abbia gli occhi chiari. Ovviamente non è affatto così, ma da oggi chi volesse dare una schiarita allo sguardo, lo potrà fare, ricorrendo al laser; ma attenzione: l’operazione è irreversibile! → Link

8. Convalescenza e complicazioni laser miopia. In genere è raccomandato un periodo di riposo di almeno 2 giorni, dipende molto dal tipo di intervento a cui ci si è sottoposti.  Nel caso di PRK il Dott. Badalà consiglia  4-5 giorni di riposo e solitamente esegue l’intervento laser a Milano e Catania il giovedì, in modo da favorire il riposo con la tranquillità del weekend. Con la Femto LASIK invece di solito bastano 48 ore per ritornare ad una vita pressoché normale. → Link

7. Gli interventi agli occhi con il laser potrebbero non essere così sicuri come si pensa: il New York Times ha pubblicato un rapporto in cui cita molti casi di pazienti che hanno subito danni permanenti. Il Lasik, la diffusissima tecnica per gli interventi agli occhi con cui si corregge miopia, ipermetropia ed astigmatismo, potrebbe essere meno sicuro di quanto si crede. Negli Stati Uniti la Food and Drugs Administration (FDA) ha annunciato che diffonderà nuove linee guida alla luce degli studi da cui sono emersi effetti secondari che durano mesi e anche anni come visione sfuocata, visione tripla, bruciori e secchezza degli occhi. → Link

6. L’ipermetropia: quando un bimbo svogliato ha “solo” bisogno di occhiali. Il vizio di rifrazione più frequente nei bambini non è la miopia, bensì l’ipermetropia, che può considerarsi un po’ come l’opposto della miopia, in quanto di solito l’ipermetrope vede benissimo da lontano, ma ha difficoltà nella visione da vicino. Si definisce ipermetrope l’occhio in cui le immagini di oggetti posti all’infinito non si formano sulla retina, ma dietro di essa, dando un’immagine sfuocata. → Link

5. Gli occhi laser, (quasi) come quelli di Superman. Niente vista da supereroe, almeno per il momento, ma il progetto della University of St Andrews punta in questa direzione con una lente a contatto laser. Si tratta di una membrana laser ultrasottile creata utilizzando semiconduttori organici, la prima del suo genere compatibile con i requisiti richiesti per operare in condizioni di sicurezza all’interno dell’apparato visivo dell’essere umano. → Link

4. Macular Hole from a Laser Pointer. A 9-year-old boy was brought by his parents to an ophthalmology clinic for evaluation of decreased vision in his left eye. Funduscopic examination of the left eye revealed a large macular hole with a hypopigmented atrophic area inferiorly; optical coherence tomography confirmed the full-thickness macular hole.   → Link

3. Scoperta sala operatoria abusiva in un centro estetico cinese. Durante alcuni controlli amministrativi gli agenti della polizia locale del IV Gruppo Tiburtino hanno accertato che all’interno di un’attività di centro estetico avvenivano operazioni chirurgiche senza alcuna autorizzazione. Nel corso delle verifiche non solo è emersa la mancanza di titoli per l’esercizio di pratiche estetiche, ma è stata scoperta una vera e propria sala operatoria priva di qualsiasi autorizzazione sanitaria. → Link

2. A scuola le visite gratuite della vista contro patologie e occhio pigro. È l’iniziativa dell’Unione italiana ciechi e ipovedenti di Terni che dallo scorso lunedì e fino al 22 febbraio porta avanti l’importante progetto che vedrà coinvolte le scuole materne del Matteotti, Le grazie e Don Milani. Queste iniziative sono importantissime per rilevare nei bambini fino agli 11 anni sia la presenza di importanti patologie sia per smascherare la presenza di ambliopia, strabismo o altre condizioni anomale della muscolatura oculare o dell’acuità visiva recuperabili nell’età del bambino. → Link

1. Ambliopia: l’importanza della prevenzione: screening gratuito per i bambini di 4 anni. Anche quest’anno l’assessore alla Crescita Giuliana Ceccarelli, in collaborazione con l’assessore al Benessere Mila Della Dora, riproporrà l’iniziativa offerta dal Lions Club Italia, rivolta alla prevenzione dei disturbi di ambliopia nei bambini  di 4 anni. Vi hanno aderito tutte le scuole dell’infanzia statali e tutte le comunali, per un totale di 494 bambini. Nel 2018, al termine dello screening, è stato riscontrato il 10% circa di disturbi visivi, con rari casi di ambliopia. → Link