TEN 14.07.2019 News della settimana

57

7. Ostruzione del dotto naso lacrimale: quando la stenosi congenita delle vie lacrimali impedisce alle lacrime di giungere normalmente al naso. La causa più frequente è la mancata apertura di una membrana posta alla fine del dotto nasolacrimale (valvola di Hasner); altre cause includono puntini lacrimali assenti o molto stretti, infezioni, e ossa nasali che ostruiscono il dotto quando entra nel naso. A causa di ciò i germi si riproducono e producono congiuntiviti. I casi più severi possono complicarsi con infezioni più gravi del sacco lacrimale: dacriocistiti. → Link

6. Lifting malare: per tirare su e rassodare lo zigomo. Il rilassamento dei tessuti e la perdita dei volumi danno un aspetto segnato e di stanchezza al volto. Con il lifting malare sono effettuate delle incisioni invisibili e i tessuti vengono ancorati con dei fili riassorbibili. L’anestesia è generale e prevede una notte di degenza. → Link

5. Chirurgia estetica dello sguardo: il ringiovanimento della regione dello sguardo. L’obiettivo è correggere la discesa dei tessuti nella parte superiore (fronte, sopracciglio, palpebra superiore) e migliorare i cambiamenti dei volumi che avvengono nella parte inferiore (palpebra inferiore, guancia e zigomo). Il grasso delle palpebre può essere rimosso o riposizionato e può essere eseguito un lipofilling per ripristinare i volumi e migliorare la qualità della pelle. È possibile anche la correzione di precedenti interventi estetici. → Link

4. Lenti a contatto sotto la doccia: 29enne rimane cieco da un occhio per un’abitudine sbagliata. Nick era abituato a fare la doccia tenendo le lenti a contatto, non conoscendone i rischi e questo lo ha portato alla cecità; infatti tenere gli occhiali con il casco, durante una partita di football, sarebbe stato troppo scomodo. Ha deciso di eseguire una visita di controllo nella quale è stato rilevato un batterio: per mesi ha tentato di recuperare la vista perduta, invano. Tutto ciò per mettere in guardia tutte le persone sui rischi delle lenti a contatto. → Link

3. Eccessivo utilizzo di aria condizionata e schermi, doppio stress per gli occhi: allarme degli oculisti. La situazione peggiora in presenza di un difetto di vista e si aggrava se la luminosità della stanza è disomogenea. Microclimi che fanno asciugare il film lacrimale che protegge la cornea: ci induce a sbattere di più le palpebre per umidificare. Il segreto è mantenere una temperatura costante nell’ambiente, spostare lo sguardo dallo schermo di tanto in tanto mentre si lavora e istillare lacrime artificiali, consultando inoltre l’oculista. → Link

2. Come ringiovanire viso e corpo dopo il photo-aging dell’estate. Il 70% dell’invecchiamento della pelle dipende dalla luce solare. Rughe nel contorno occhi, labbra, naso, lentiggini marcate, capillari rotti, macchie, elastosi solare e cedimento cutaneo. Le zone più fotoesposte sono faccia, collo, decollété e il dorso delle mani. La medicina estetica ci fornisce più strumenti per contrastare tutto ciò senza ricorrere alla chirurgia, preservando aspetto naturale, luminosità e freschezza. Parliamo di prodotti innovativi e risultati visibili di lunga durata. → Link

1. Il desiderio e la necessità di molti pazienti di eliminare per sempre l’uso di occhiali e lenti a contatto: una concreta realtà offerta dall’innovativa tecnica chirurgica refrattiva LASEK. È possibile eliminare o ridurre difetti di refrazione quali miopia, ipermetropia e astigmatismo. Sicura ed efficace, la tecnica di chirurgia refrattiva LASEK utilizza come principale strumento il Laser ad eccimeri e rimodella la curvatura della cornea, che permette alla luce che penetra nell’occhio di essere correttamente focalizzata sulla retina per ottenere una visione più chiara senza occhiali o lenti a contatto. → Link