TEN 06.07.2020 News della settimana

7. Pacchetto refrattiva: a cosa serve? Si parla della serie di esami propedeutici effettuati a ogni intervento di chirurgia refrattiva. Sono esami non invasivi e si eseguono con uno strumento molto sofisticato, ad elevata precisione; essendo completamente innocui possono anche essere eseguiti sui bambini. Non sono dolorosi e possono durare dai 5 ai 15 minuti. → Link

6. Strabismo infantile: difetto visivo raro o frequente? Lo strabismo è un difetto visivo che colpisce circa il 3% dei bambini: è assolutamente naturale nei neonati e dopo i 6 mesi scompare in maniera spontanea; in ogni caso è consigliata una visita oculistica ortottica tra i 6 e i 9 mesi. A oggi sono disponibili diverse terapie: utilizzo di occhiali da vista, iniezioni di tossina botulinica, apprendimento di particolati esercizi oculari, oppure intervento di chirurgia mininvasiva. → Link

5. Iniezioni intravitreali di anti-VEGF: un’ottima terapia. Le iniezioni intravitreali di anti-VEGF sono la principale terapia per la maculopatia senile neovascolare. Si tratta di una piccola iniezione nell’occhio, assolutamente non dolorosa, di un farmaco che ha la capacità di chiudere i piccoli vasi che causano danni alla retina. Sono farmaci che vengono somministrati in cicli: una iniezione al mese per 3 mesi.  → Link

4. Scopriamo i nostri occhi: cos’è la pinguegola? La pinguegola è una formazione che si trova sulla congiuntiva, in corrispondenza dell’apertura palpebrale, dal colore bianco-giallastro e leggermente in rilievo. Si tratta di un’escrescenza innocua che compare nei soggetti anziani e nelle persone esposte di continuo alla luce, all’aria o alla polvere, senza la protezione di occhiali. Per eliminarla serve l’asportazione chirurgica. → Link

3. Illusioni ottiche: il Louvre deformato dalle Slow Lens. Vincent Leroy, artista conosciuto per le sue sculture in movimento, che pone al centro del suo studio gli effetti ottici e le superfici riflettenti, ha creato un’installazione costituita da lenti che riflettono e deformano il Musée du Louvre di Parigi. L’effetto creato è quello di una distorsione ripetitiva. Il design delle Slow Lens è decisamente raffinato, appare fluido, leggero, quasi volatile. → Link

2. Terapia rivoluzionaria: due bambini recuperano la vista. La casa farmaceutica Novartis ha sviluppato un’innovativa terapia genica chiamata Luxturna, che è in grado di ridonare la vista a determinati pazienti colpiti da una particolare distrofia retinica ereditaria. Per la prima volta questa terapia è stata testata con successo in Italia su due bambini ipovedenti, che hanno finalmente riacquistato la vista. → Link

1. Si salvano dalla cecità grazie a una terapia genica. Hanno quasi perso la vista e ora vedono, grazie alla cura sperimentale contro la coroideremia, una malattia rara che causa una progressiva degenerazione della retina, dell’epitelio pigmentato e della coroide. La malattia fortunatamente si è arrestata e i malati sono perfino stati in grado di leggere una riga in più del tabellone dell’oculista. Si tratta di un passo davvero importante. → Link